L’Editoria come motore economico e culturale di un territorio, collante tra le molteplici realtà di una regione, “luogo fisico e simbolico” per comprendere le trasformazioni del mondo.  L’Editoria attraversa tutti gli spazi interstiziali del sociale e, in maniera privilegiata, può essere immaginata come un caleidoscopio che riflette il tessuto connettivo della realtà circostante. Parte da qui il Convegno L’Editoria come Economia e Cultura, organizzato dalla Fondazione “Attilio e Elena Giuliani Onlus”, in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura della Regione Calabria, che si terrà giovedì 6 marzo, alle 17.30, nella sede di Villa Rendano. Un Convegno a più tasselli che si propone di esaminare, attraverso voci molteplici, il ruolo trasversale e camaleontico dell’Editoria attraverso una direttrice bifocale, quella nazionale e quella regionale e, partendo dalle difformità territoriali, intende riflettere sul ruolo dell’Editoria in Calabria e sulle potenzialità di un settore spesso sottovalutato. L’Editoria, infatti, può essere considerata uno strategico crocevia economico-culturale e, in questa biunivocità, potrebbe essere candidata a diventare un volano di crescita economico-sociale oltre ad essere, sempre e comunque, uno straordinario luogo dove si crea cultura contro l’oscurantismo della nostra società. E’ stata questa, del resto, l’idea focale da cui ha mosso i suoi primi passi Luigi Pellegrini, fondatore della Casa Editrice Pellegrini, la cui storia editoriale, che dura da oltre sessant’anni, sarà raccontata nel corso del Convegno come testimonianza reale di un’Editoria, fortemente radicata e ancorata alla sua terra, ma dotata di uno sguardo lungimirante, aperto alle trasformazioni e alle evoluzioni economico-sociali nazionali, che ha rappresentato la sua carta vincente. Omaggio a Luigi Pellegrini per i suoi 90 anni è, infatti, il sottotitolo del Convegno che, tra i tanti suoi tasselli, vuole omaggiare la figura di un intellettuale  dotato quasi “di spirito profetico”  che, sessant’anni fa, in tempi di post-dopoguerra e di faticosa ricostruzione, intuì che la cultura, trasposta in editoria, sarebbe stata un’ottima direttrice economico-sociale.
Per questo il Convegno L’Editoria come Economia e Cultura racchiude più voci e testimonianze intersecabili tra loro: ai saluti del Sindaco Mario Occhiuto e del Direttore della Fondazione “Attilio e Elena Giuliani Onlus, Franco Pellegrini, seguiranno gli interventi dello scrittore Pierfranco Bruni, Vice Presidente Nazionale Sindacato Libero Scrittori Italiani,  di Giuseppe De Bartolo, già Preside Facoltà Economia Unical, di Roberto De Gaetano, Presidente Corso di Laurea Dams Unical, Nicola Gratteri, Procuratore Aggiunto della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Calabria.
Le conclusioni sono affidate all’Assessore alla Cultura, Mario Caligiuri. Introduce la serata Antonietta Cozza, addetto stampa, modera il giornalista Rai Gregorio Corigliano.