Monthly Archives: aprile 2014

//aprile

La sicurezza lungo le vie di comunicazione

Le cronache di incidenti lungo i percorsi stradali e ferroviari, riconducibili a fenomeni di dissesto idrogeologico, occupano un posto rilevante nei mass media, con dolorosi bilanci di vittime, feriti e danni economici. Lo scorso gennaio, la frana lungo la linea ferroviaria Genova-Ventimiglia ha fatto deragliare il treno Intercity, con un bilancio che avrebbe potuto essere terribile e che, per fortuna, si è risolto con pochi feriti, ma con un costo di almeno due milioni e mezzo di euro per il recupero del locomotore.  Anche le cronache locali registrano gravi incidenti.  La tragica notte del 25 gennaio del 2009, sulla A3, tra gli svincoli di Altilia-Grimaldi e Rogliano, una frana ha invaso le carreggiate dell’autostrada, colpendo in pieno il furgone sul quale viaggiavano un gruppo di persone.  Due morti e cinque feriti il tragico bilancio. Più in generale le nostre strade non sono sicure, soggette come sono a frane e inondazioni che, troppo spesso, mettono a repentaglio l’incolumità delle persone. Sono necessari interventi seri di messa in sicurezza, ma è anche essenziale un’adeguata informazione alla popolazione che ignora i pericoli e le insidie che minacciano le strade percorse quotidianamente. Su questa importante tematica si incentra il seminario “La sicurezza lungo le vie di comunicazione”, organizzato dalla Fondazione Attilio e Elena Giuliani in collaborazione con l’Università della Calabria e curato dal professore Versace. La giornata di studio sarà aperta dall’on. Luigi Fedele, assessore della Regione Calabria, con delega anche ai Programmi di Trasporto, mentre la relazione introduttiva è affidata all’ing. Sebastiano Wancolle, Capo Compartimento ANAS della SA-RC che incentrerà il suo intervento sulle problematiche di un importante e difficile tronco autostradale come la A3. Seguirà una tavola rotonda, moderata dal professor Versace e con la partecipazione di [...]

By | domenica, 20 aprile 2014|News|

La Mediateca di Villa Rendano: presentazione e proiezione del film sui 100 anni del Cosenza Calcio

La MEDIATECA, del Progetto Villa Rendano, nasce con la finalità di costruire una conoscenza allargata della memoria storica a Cosenza e in Calabria attraverso la raccolta, la digitalizzazione e la diffusione di immagini, filmati, fotografie, documenti e testi. Ricercatori, studiosi, studenti, appassionati, collezionisti, cittadini sono i fruitori e i protagonisti di tale iniziativa. Se la Storia è memoria e la memoria è verità, il compito della Mediateca è quello di contribuire alla formazione di una coscienza civile basata sulla conoscenza, che sia in grado di far scoprire motivi identitari che fungano da collante, ragioni fondative della convivenza, motivi condivisi di radici che ci facciano proiettare nel futuro grazie alla consapevolezza di un percorso non effimero né contingente. I Contenuti sono: immagini e testi di carattere sociale ed etnoantropologico; documenti di ricognizione architettonico-urbanistica a valenza storica e di ricomposizione della struttura sociale e popolare; cronaca visiva e peculiare di rappresentazione del territorio e del paesaggio naturale e antropico. Le Fonti sono da rinvenire nelle collezioni private contenenti immagini destinate alla pubblica fruizione (cartoline, riviste, documenti storici); nel patrimonio via via arricchitosi nei social forum tematici. La catalogazione è effettuata attraverso standardizzate metodologie scientifiche presso la sede della Fondazione Giuliani, con il concorso di collezionisti, propositori, gruppi e strutture proprietarie o depositarie delle immagini. La Mediateca prevede più sezioni, e fra queste quella relativa al Cosenza Calcio, di cui quest’anno ricorre il Centenario, e lo sport a Cosenza. Il calcio, fra i vari sport, riveste particolare valenza nell’ambito della vita di una comunità e attraverso il calcio sarà possibile ricostruire non solo eventi sportivi ma anche il progresso della nostra società attraverso le diverse articolazioni, da quella antropologica a quella ludica a quella popolare e civile. Il [...]

By | mercoledì, 9 aprile 2014|News|

I costi sociali della marginalità e della dispersione scolastica a Cosenza

Continuano a Villa Rendano gli eventi culturali che rientrano nel progetto Osservatorio sull'Innovazione sociale, coordinato dai Prof.ri Ercole Giap Parini e Paolo Jedlwoski, entrambi dell'Università della calabriauna, programmazione molteplice  che spazia nei più diversi settori del sociale e nei più diversificati ambiti culturali. Mercoledì 9 aprile alle 17.30, si svolgerà una conferenza dal titolo "I costi sociali della marginalità e della dispersione scolastica a Cosenza". Il livello di marginalità sociale e di esclusione sociale rappresenta una misura per valutare la qualità di una democrazia. Tanto più quando tali processi riguardano i più giovani. L’iniziativa è orientata ad approfondire la conoscenza della marginalità sociale, e dei suoi costi, a partire dallo studio sui tassi di dispersione scolastica nell’area di Cosenza. Grazie al contributo di due ricercatori particolarmente innovativi, come la prof.ssa Sabina Licursi e il prof. Giorgio Marcello, entrambi dell’Università della Calabria, si andranno a scandagliare le nuove forme della marginalità sociale in un’area a rischio, valutando il peso che gli abbandoni scolastici hanno nella riproduzione dell’esclusione sociale. Il convegno vedrà la partecipazione della prof.ssa Monica Martinelli, dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, tra le più importanti esperte italiane in tema di politiche sociali.

By | lunedì, 7 aprile 2014|News|